Due insidie sono presenti nell’aria che respiriamo: batteri e polveri sottili (PM10, etc.). Questo nei locali pubblici (scuole, ospedali, sale di attesa, etc.), ma anche nei mezzi di trasporto (collettivi o individuali) e negli appartamenti privati.

Due semplici esempi rendono chiara l’importanza di questo problema.

“Si entra per un intervento chirurgico o per una batteria di controlli e si esce con una bella infezione. I nostri ospedali brulicano di batteri e virus che oramai fanno più vittime degli incidenti stradali. Le infezioni ospedaliere, stima l’Istituto superiore di sanità, mietono tra le 4500 e le 7000 vittime l’anno, contro le 3500 della strada. Sono oltre mezzo milione i pazienti che ogni anno si ricoverano per curare una cosa e si trovano a dover fronteggiare un’altra malattia presa proprio in ospedale. In pratica tra il 5 e l’8 per cento degli assistiti è vittima di un’infezione ospedaliera (La Stampa, 18/11/2017).

«L’aria della metropolitana di Milano è inquinata, lo certifica un’indagine Arpa…il PM10 tocca picchi di 327 μg/m3…Un’ora di esposizione a queste concentrazioni di PM10, in metrò, può stimolare crisi asmatiche in soggetti predisposti e suggerisce rischi a breve termine per chi soffre di malattie vascolari» (Corriere delle Sera, 11 dicembre 2010)

Per combattere questi problemi Politecnico di Milano, NextMaterials e ECF Soliani, hanno sviluppato FiltriNext, filtri antibatterici fotocatalitici in grado di bloccare e uccidere i batteri aerodispersi (al contrario dei normali filtri oggi in commercio) e di ridurre sensibilmente il particolato solido presente nell’aria.

I FiltriNext possono essere montati in qualsiasi sistema di ventilazione dell’aria o in dispositivi appositi meglio se abbinati a LED UV alimentate a 12 V in grado di attivare la fotocatalisi. I FiltriNext possono essere utilizzati:

  • in impiantidi riscaldamento, condizionamento e in sistemi di ventilazione dell’aria già esistenti
  • in frigoriferidomestici o banchi frigorifero di negozi e supermercati per migliorare la sicurezza a la conservazione di alimenti
  • in depuratori per ambienti indoorappositamente progettati
  • in appositi depuratori per auto

I FiltriNext sono realizzati in poliestere metallizzato e trattai in superficie con biossido di titanio. Hanno lunga durata, grazie alla loro struttura tridimensionale che ingabbia il particolato solido senza intasarli e possono essere facilmente lavati (anche fino a 20 volte in lavapiatti), così da rigenerarli. Possono essere forniti in tutte le forme e dimensioni.

La tecnologia è stata oggetto di pubblicazioni scientifiche realizzate da ricercatori del Politecnico di Milano

Per informazioni e ordini: info@nextmaterials.it – (+39)3468506457

Pubblicazioni connesse:

Del Curto, Barbara, Tarsini, Paolo, Cigada, Alberto (2016). Developing of a photocatalytic filter for the control of the indoor air quality. JOURNAL OF APPLIED BIOMATERIALS & FUNCTIONAL MATERIALS, vol. 14, p. 496-501, ISSN: 2280-8000, doi: 10.5301/jabfm.5000336

G. Candiani, B. Del Curto, A. Cigada (2012). Improving indoor air quality by using the new generation of 
corrugated cardboard-based filters. JOURNAL OF APPLIED BIOMATERIALS & FUNCTIONAL MATERIALS, vol. 10, p. e157-e162, ISSN: 2280-8000, doi: 10.5301/JABFM.2012.9705

G. Candiani, B. Del Curto, C. Malloggi, A. Cigada (2011). Development of novel cardboard filters very effective in removing airborne bacteria from confined environments. JOURNAL OF APPLIED BIOMATERIALS & BIOMECHANICS, vol. 9, p. 207-213, ISSN: 1722-6899, doi: 10.5301/JABB.2011.8922